Mittwoch, 29. Juli 2009

Sudtirol e Austrie

Grant scandul al à fat in chei dîs chi in Austrie la propueste di Martin Graf, Nationalratspräsident de FPÖ, che intune interviste a Die Presse (la gnove e je ripuartade ancje in Gjermanie de Süddeutsche Zeitung) al domande che tal Sudtirol si fasial un referendum par domandâ se il popul al vûl tornâ cu la Austrie. Graf al fevele di 'dirit di autodeterminazion' dai todescs (= Deutsche) dal Sudtirol, che a àn, a so dî, lenghe e culture comun cul rest de Austrie. Intune interviste a Der Standard, il Landeshauptmann dal Sudtirol, Durnwalder (che si autodefinis 'rapresentant de minorance austriache'), al dîs che in chest moment un consens par un passaç ae Austrie nol è, ma che lavorânt al podarès ancje vignî - a condizion che il Sudtirol al mantegni lis autonomiis che al à in Italie, e che a son plui grandis di chês dai singui Bundesländer austriacs. La propueste di Graf e à fat und davuei intal mont politic austriac, e tancj a domandin (par chest, ma ancje par altris motîfs) che al si dimeti o che lu parin vie. Ma chest al é un altri discors. No mi pâr che la gnove e sedi rivade in Italie, almancul no le ai viodude, cussì o pues nome fevelâ di cualchi reazion chi: dai comments di tancj letôrs al salte fûr un pont interessant, ven a stâi se i Sudtirolês a si sintin 'austriacs', stant che colte che il Sudtirol al jere un toc de Austrie, chest sintiment nazionâl ancjemò nol jere. Ancje ricercjis sociolinguistichis, come chê di Kristian Naglo, a somein di mostrâ che in Sudtirol si à un fuart sintiment identitari sudtirolês, ma no austriac (ni talian), robe che si manifeste ancje tal doprâ la varietât locâl di todesc in maniere dimostrative. Une cuestion interessant, chê de identitât e de identificazion, soredut intune situazion complicade come chê dal Sudtirol. E se un referendum cussì si fasessi in Friûl?

Kommentare:

Anonym hat gesagt…

"Nel Comune di San Michele al Tagliamento, il 29 e 30 maggio 2005, primo comune di Italia a attivare il procedimento di distacco-aggregazione previsto dall'art 132, comma 2, della Costituzione, si è tenuto il referenudm (vedi Questione dei confini regionali) per chiedere alla popolazione di far parte integrante della Regione Friuli-Venezia Giulia. Il risultato è stato negativo a causa dell'elevato quorum richiesto dal Referendum, a cui va aggiunto il mancato avviso dei Cittadini iscritti all'A.I.R.E. (elettori residenti all'estero), fatto che ha determinato il relativo fallimento."

Done Bete

Luche hat gesagt…

Cjare Done Bete, o cognòs magari cussì no la storie dal referendum di San Michêl... e ti disarai che di 'talian tal forest' o sai ancje ce che al vûl dî no podê participâ a tantis elezions e consultazions impuartantis (chês aministrativis, dai nestris paîs, che di chês politichis si vote dal forest...). E o sai ancje, che se si à gust di no fâ vê sucès a une robe a son magari cussì no i mieçs...

Anemone Viola hat gesagt…

Jo i proponaras un referendum par che il Friul al torni sot l'austrie...cjalat cemot ca si vif in Italie...

Maman

Luche hat gesagt…

Cjare Anemone Viola, propit chel mi domandavi jo... cemût laressial a finî un referendum in Friûl par tornâ sot da la Austrie? No lu sai, ma viodudis lis polemichis e i atacs che a vegnin cuintri il Friûl e il furlan di tantis bandis, o crôt che si podarès ancje inamgjinâsi il risultât... ;-)